Il senatore dalla Crimea Sergei Цеков: Russia, Putin e Dio

foto: ru.wikipedia.org

– Che per due fatto con il momento del ritorno della Crimea alla Russia, che hanno avuto qualche difficoltà in questo periodo?

– Siamo molto rapidamente integrati nella parte della Russia. Nel giro di pochi mesi dopo il referendum per la riunificazione della Crimea con la Russia. La stragrande maggioranza di crimea sentito che in tutti questi anni di indipendenza dell’Ucraina dopo la distruzione dell’Unione Sovietica, abbiamo ancora vissuto insieme con la Russia. Questo atteggiamento e l’elevazione spirituale ha permesso di risolvere rapidamente i problemi sociali, le eliminazioni e i pagamenti delle pensioni, degli stipendi del settore pubblico con i primi mesi del e nella sua interezza, è molto di più in termini monetari, che è stato in Ucraina. Molto veloce è stato effettuato il passaggio dal ucraine soldi ai russi. Pensato che spendiamo per questo è più di un anno, e perso per 3-4 mesi. Nel 2014 abbiamo praticamente hanno formato quel sistema politico che c’è in Russia. Già nel 2014, anche se prevista nel 2015, si sono svolte le elezioni per gli enti locali, cittadine e consigli di quartiere, il Consiglio di Stato della Repubblica di Crimea. Ci aspettavamo un sacco di problemi, legati al fatto che in realtà siamo isola, e non la penisola. Queste difficoltà emerse fin dai primi giorni. In principio era l’acqua il blocco, poi i trasporti, quindi di cibo. Poi uno dei più difficili per noi – l’energia del blocco. In tutti questi anni viviamo in condizioni di blocco dell’informazione, e, in realtà, non solo politica, ma tutta la Crimea è sotto sanzioni. Ottenere il visto per gli stati europei, negli stati UNITI crimea direttamente non possono, per loro quasi costretti di andare a Kiev. Ma dico, che tutte queste difficoltà siamo molto sicuri di vincere. Non sono deluso crimea la correttezza della loro scelta nel mese di marzo 2014, ma, al contrario rafforzato nella comprensione di ciò che fatto tutto correttamente. Quando faccio notare che il blocco, che contro di noi sono stati eseguiti, hanno nociuto in gran parte Ucraina. Soprattutto il cibo, perché questo è in realtà il blocco, che mira contro i produttori ucraini. Cioè in Ucraina in una grande quantità di ortaggi, frutta, producono beni industriali. La crimea è stato un buon mercato di vendita. Hanno effettivamente abbandonato questo mercato e liberato per i russi strutture. Per quanto riguarda i produttori russi, sono molto rapidamente riempito tutti di nicchia e abbiamo in serbo tutto in abbondanza e dal punto di vista alimentare, sia in termini di prodotti industriali.

Due anni e mezzo si svolgono numerosi sondaggi, che indicano che la crimea e oggi, se hanno un referendum, oltre il 95 per cento ha votato per la riunificazione della Crimea con la Russia. Credo che molto efficace funziona guida di Crimea – il presidente della Repubblica e presidente del Consiglio di Stato, il che è confermato dai risultati di indagini sociologiche. Il livello di fiducia Sergei Aксeнoву – per l ‘ 85 per cento della popolazione locale. Circa la stessa percentuale di fiducia della popolazione e Vladimir Konstantinov, presidente del Consiglio di Stato. Le elezioni alla Duma di Stato questo livello di fiducia ha confermato. Tutti i nostri candidati, ma in realtà e la crimea sistema politico può встрoилaсь in un sistema politico della Federazione Russa, principalmente, attraverso il partito «Russia Unita». Partito abbiamo goduto di una grande supporto. Alle ultime elezioni ha ottenuto oltre il 70 per cento dei voti. Tutti i candidati mazhoritarschikov, hanno vinto le elezioni in Crimea, sono anche i rappresentanti del partito «Russia Unita». In periodo di campagna elettorale nel corso di numerosi incontri con gli elettori, abbiamo sentito la differenza rispetto alle precedenti elezioni. Io nelle campagne elettorali ha partecipato con la fine degli anni ‘ 80. Sempre incontrato con gli elettori, molto sentito da loro diverse. Spesso negli incontri non avevano fede in quello che sono soddisfatte le promesse e i programmi di cui parlano i candidati parlamentari. Ora l’atmosfera è molto diversa. Gli elettori dicono: «Sì, ci sono problemi, va tutto bene! Per due anni e mezzo fatto tanto quanto non hanno fatto in 20 anni». Stessi hanno cominciato a parlare di quello che è già stato fatto: attrezzature pro, che hanno messo a scuola, sul rinnovamento delle istituzioni educative, asili, l’apertura di nuovi gruppi, l’apertura di nuovi ambulatori, centri di ostetricia e molto altro. Parlato del fatto che anche le strade non sono l’accensione, ricordando che in campagna, in Crimea, abbiamo le strade non sono state seguite.

In Crimea grande rispetto e amore al Presidente della Federazione Russa Vladimir Vladimirovich Putin. In diverse aule, quando la chiami solo il suo nome, una reazione violenta tempesta di applausi. Circa la stessa reazione, forse un po ‘ meno — la menzione Aksenov e Konstantinov. Con questo, naturalmente, tutti sappiamo che dobbiamo ancora lavorare e lavorare per rendere la Crimea a livello di regioni più sviluppate della Federazione Russa. Speriamo che riusciremo a raggiungere questo livello. Allo stesso tempo, non oбoльщaeмся, vediamo problemi a lungo termine e le attività. Ad esempio, quando confrontiamo le nostre strade con le altre regioni russe, questo confronto non è a nostro favore.

Abbiamo obiettivi ambiziosi. Noi crediamo che sarebbe venuto un tempo, quando saremo uno dei principali regioni della Federazione Russa e la Crimea non sarà agevolati e bilancio regione del paese. Anche se, naturalmente su questa strada ancora molto difficile. Stiamo discutendo di loro e cercando soluzioni. Ad esempio, è molto difficile integrarsi rapidamente nel sistema legale del paese. Non sapevamo inizialmente, come effettuare gare d’appalto, concorsi. Noi a questo non erano pronti. Abbiamo in corso un grande lavoro di ri-registrare tutto quello che c’è. In particolare, per la ri-registrazione di beni immobili, proprietà, terreni. Questa base abbiamo creato da zero, professionisti non è, quindi, sicuramente, sentiamo una certa complessità. Abbiamo i mezzi per riparare le strade, acquedotto, altre infrastrutture, ma non abbiamo professionisti, di attrezzature e di materiali. A 23 anni di indipendenza dell’Ucraina dopo la distruzione dell’Unione Sovietica, in realtà, tutta la strada di servizio è ridotto a zero. Avevamo praticamente chiuso tutti aсфaльтoбeтoнныe piante. Ci sono difficoltà, ma stiamo lavorando per il loro superamento. A noi arrivano esperti provenienti da altre regioni della Russia. Gli esperti non solo dal punto di vista della pubblica amministrazione, e gli esperti dal punto di vista dello stesso costruzione di strade, UTILITÀ di sistema e molto altro.

– Nazionale come fattore di influenza sulla situazione in Crimea? In Crimea vivono persone di diverse nazionalità e tartari, e gli ucraini e i russi, e gli ebrei…

– Per quanto riguarda la situazione tra i popoli slavi, problemi particolari no. E in tempi di indipendenza dell’Ucraina ci sono stati non tanto i russi o ucraini, quanto gli slavi e abbiamo, in generale, i russi e gli ucraini è stata una grande gruppo nazionale. Anche se la nazionalità sottolineato «ucraino», sulla questione della lingua risposto «russo». Al linguaggio di circa il oltre il 70 per cento della popolazione della Crimea chiamato il russo è la lingua madre. E quando ha fatto una domanda: in quale lingua si pensa in quale lingua ti sogni, la percentuale è ancora di più per il 90 per cento. Qui dal punto di vista del rapporto tra russi e ucraini – siamo un unico popolo, i rappresentanti unitaria del mondo russo. Anche se, naturalmente, e tra russi e tra gli ucraini in Crimea ci sono un certo gruppo, che si rammarica del fatto che la Crimea era nella composizione della Federazione Russa. Questi 4-5 per cento vive con tali pensieri. Molti di loro si può capire. Se sei nato in Ucraina, certo, dispiace che non sei a casa. Come è stato parte della patria, e la patria ora ti ha lasciato. Ma, come mi sembra, gli slavi tutto questo può essere superato.

Il tempo passerà e sarà una sensazione di grande patria, e grande patria è grande il mondo russo, e grande il mondo russo – è la Russia, l’Ucraina, la Bielorussia. Per questo abbiamo bisogno di trascorrere un po ‘ di lavoro, tra cui, educativo. E ‘ un lavoro complesso, soprattutto con i giovani, che vivo lo spirito di contraddizione: qualcuno ha studiato in Ucraina, ha studiato storia ucraina, così vediamo che il sentimento tra i giovani in una certa misura protesta. La protesta non perché il loro male di vivere. In generale, non sanno come si vive in Ucraina e comunque vogliono sottolineare che siamo nati in Ucraina e l’Ucraina quasi la patria per noi. Il tempo passerà e tutto questo andrà in passato. Anche se sono sicuro che con il tempo e in Ucraina alla Russia la gente si riferiscono, come alla sua grande Patria.

Per quanto riguarda il rapporto con i tartari della crimea, non direi che sono inacidito per questi 2,5 anni e non direi che sono migliorato. La situazione neutrale. Sono attenti, alcuni credono che sia un po ‘ se non è un fenomeno temporaneo – individuazione della Crimea come parte della Russia. Tra loro ci sono un sacco di conduttori di idee, che la Crimea comunque si riunirà con l’Ucraina o tornerà in Ucraina. Ma molti hanno sentito la differenza tra l’Ucraina e la Russia dal punto di vista della soluzione di problemi interni, arredo centri abitati, dove vivono i tartari di crimea, di risolvere i loro problemi sociali. I tartari di crimea sono diventati sempre in più alloggi, terreni per la costruzione. Ma la sincerità in un rapporto non ancora. Cerchiamo di questa situazione per cambiare per il meglio. Credo che ci vorranno non più di un anno. Loro riscaldato dall’Ucraina personaggi famosi: Dzhemilev, Chubarov, Russia, e altri. L’effetto particolare che ancora conservano. Mi sembra che i cambiamenti possono verificarsi a causa del fatto che la maggior bagno delegazione arrivata in Crimea. Per i tartari della crimea è seriamente e in modo significativo, a causa dell’alto livello di fiducia per la Turchia. ma per il livello di fiducia tra gli slavi e tatari di crimea è diventato più alto, è necessario spendere un sacco di fatica e tempo.

– Non è così semplice, quando l’ideologia degli ultimi anni solo рaзoгрeвaлa sentimento nazionalista, e il ripristino di normali relazioni non è così semplice. Ricordo i miei recenti viaggi in Ucraina. Era ancora negli anni ‘ 90. Già allora si sentiva che il lavoro attivo contro la Russia.

– Il lavoro attivo contro la Russia è andato e andrà, tenendo conto di quelli sentimento anti-russo, che ora ci sono nella società ucraina, ma sono sicuro che è temporaneo. A un certo punto ci saranno altre forze politiche, che parlerà sul fatto che la Russia è in realtà, i nostri fratelli, che la Russia è in relazione con il nostro popolo e siamo tutti parte di un unico popolo russo. A rigor di termini, in Transcarpazia già apriamo gli occhi, in Novorossija apriamo gli occhi. E ancora 20-25 anni fa, quando aveva solo movimento verso l’indipendenza dell’Ucraina, ancora prima della distruzione dell’Unione Sovietica, come molti ucraini orientali, di Polizia e di Odessa hanno dimostrato che gli ucraini è una nazione che lo stato ucraino ha mille anni di storia e ha diritto all’indipendenza. Che l’Ucraina è un paese molto ricco, lei continuerà a vivere in prosperità e sarà un po ‘ se non la prima in Europa. Ma poi la vita ha fatto altro, vedevano la luce e l’Ucraina Orientale e Meridionale. Ora sentiamo cosa dicono a Donetsk repubblica Popolare e a Lugano repubblica Popolare. C’è sempre sottolineare che Donetsk e Lugansk – è parte integrante del mondo russo. Arriva il momento e la stessa cosa parlerà la stragrande maggioranza delle regioni dell’Ucraina.

Quando ci si chiede che cosa è successo in Ucraina, allora capisci che è molto grande effetto è stato ideologia occidentale dell’Ucraina. Perché gli ucraini occidentali così ostile contro la Russia? Da queste radici? Molti credono che questo è associato con la repressione, che sono stati prima della Grande guerra, dopo la Grande guerra Patriottica. In realtà, le radici vanno in profondità nel secolo e la cosa più importante è che ortodossi in Ucraina Occidentale a un certo punto l’ortodossia tradito. Alcuni sono diventati униaтaми, altri sono diventati cattolici. A mio parere, i traditori più odiano coloro che tradiscono. Questo è un tradimento ucraina élite politica in Ucraina occidentale ha portato al fatto che nei secoli successivi c’è stato coltivato non solo una mancanza di rispetto verso la Russia, ma anche l’odio. Mi sembra radici in questo. In generale i nazionalisti sono molto attivi, molto attivi, a differenza di un’altra parte della popolazione. Questa attività nazionalisti è stato richiesto nei primi anni di indipendenza dell’Ucraina. Poi è diventato placarsi. Quando ci sono state le elezioni Yushchenko, la «rivoluzione arancione», abbiamo già visto che l’Ucraina è divisa in due parti: una parte, convenzionalmente, l’Ucraina Occidentale, la seconda parte – Est dell’Ucraina. Mi sembra che il tempo verrà quando e gran parte del centro dell’Ucraina, a nord dell’Ucraina, anche si convertirà e sarà con noi, con la Russia. E che in Occidente? E ‘ difficile da dire. Mi dispettoso notevolmente la mentalità ucraini occidentali, da un lato, è comprensibile, d’altra parte, quanto sono disposti a cambiare in questi punti di vista e di svolta verso la Russia, il grande dubbio. Come ho un dubbio, che i tartari di crimea, improvvisamente cominciano a amare la Russia, allo stesso modo, ho un dubbio occidentali ucraini.

– Hai giustamente sottolineato, che il tradimento dell’ortodossia e porta a risultati tragici. Mi ricordo una frase di uno dei gerarchi della Chiesa Ortodossa Ucraina, quando gli viene chiesto qual è il motivo principale della guerra nel Donbass? Egli ha detto: «la Mancanza di fede nelle persone».

— Davvero, ora mi ricordo le conversazioni con сxиaрxимaндритoм Iona Odessa. E ‘ morto pochi anni fa. Ma ancora durante la sua vita ha detto che siamo un unico popolo, che dobbiamo vivere insieme. Egli profetizzò che dopo la sua morte inizia la guerra. Capisco che solo rivolgendosi alla nostra fede ortodossa, saremo in grado di calmare questa carneficina. Non deve fratello di uccidere il fratello.

Più brutale guerra civile. La vita è una conferma. Chi avrebbe mai pensato che gli ucraini saranno sparare a degli ucraini, che le truppe dell’esercito ucraino, statali, forze armate sparare a civili abitazioni nella parte orientale dell’Ucraina. O, diciamo, che sono in grado di fare quello che hanno fatto a Odessa. Non riesco a credere che questo è possibile. Purtroppo, è successo. È una scienza a tutti noi. Siamo in Russia, né in quali condizioni non si deve lasciare nulla di simile. Da un lato, io sono l’uomo russo, patriota, per la Russia, per la Rus’, ma io personalmente e in comunità Russa della Crimea sono sempre stati contrari espressi sentimento nazionalista, perché abbiamo sempre avuto una profonda convinzione che il nazionalismo è molto forte danneggiare quella nazione, della quale tu sei, perché il nazionalismo spesso conduce alla devastante risultato.

Il nazionalismo in Ucraina, ha portato alla guerra e alla sua distruzione. La russia è intervenuta? No. È che ci stanno costruendo una leggenda. In realtà, una forma estrema di nazionalismo ha portato alla distruzione dello stato. Chi è il principale colpevole del fatto che la Crimea è andato dall’Ucraina, il ricongiungimento con la Russia? I nazionalisti ucraini – chi ha organizzato un bagno di sangue in Piazza, che più dimostra ультрaпaтриoтичeскиe punti di vista, sono come una volta, l’Ucraina e la distruggono. E in Russia, la tolleranza, il rispetto per i rappresentanti di diverse nazionalità, il rispetto per i rappresentanti di diverse fedi – è come una volta e contribuisce alla creazione di un unico, forte dello stato, forte della nazione.

Ecco perché ora e ha cominciato a parlare di nazione russa. Qualcuno dice «sì», qualcuno dice «no», ma, diciamo così, questo processo non è veloce, dovrebbe venire comprensione interiore rappresentanti di tutte le nazionalità, che non sono solo i russi, tartari, чувaшaми o rappresentanti di altre nazionalità, e che fanno parte del grande popolo russo. Questo processo va avanti e questo è molto bello. Quando iniziano a gemere sul fatto che i russi siano stati violati, i russi più infelici, come qualcosa di non molto la percepiscono. Credo che noi russi – grande nazione e siamo così forti e così generosi, che tutto è determinato. Quello che ci riserviamo di altri popoli, lingue, culture, questo è molto vero. Quando l’Europa sta cercando di insegnarci come dobbiamo fare riferimento a minoranze nazionali, l’ho già ripetuto molte volte: prima di tutte le minoranze nazionali hanno consumato sul territorio dei suoi stati, e ora insegna tutela dei diritti delle minoranze nazionali. E abbiamo appena salvato e minoranze nazionali, e la loro cultura e le loro lingue. Abbiamo bisogno di imparare come essere tolleranti in interetnici e le relazioni interreligiose.

Sono anche convinto che la nostra forza è ancora e nel conservatorismo, tradizionale impegno spirituale, i valori culturali, al culto della famiglia, il culto di mutuo soccorso. Con l’età e l’esperienza, si comincia a capire, la parte di cui tu sei parte di un popolo e di quale cultura, quale spiritualità. E pensi bene, Dio ti ha dato la possibilità di essere parte di questo popolo! Tu stesso non l’ho scelto, è il Signore in modo ordinato. Anche se, naturalmente, è da sottolineare che la crimea giovani cresciuta in condizioni di stato ucraino, e con lei ancora bisogno di lavorare molto.

– Lavorare per e con i giovani russi. Mi ricordo, sul Santo Monte Athos ho parlato con il nostro centenario anziano, che ha guidato il nostro monastero, сxиaрxимaндритoм Geremia. Gli ho chiesto: «Cosa Ti piacerebbe trasmettere ai giovani?» E ha detto: «Di ‘ loro di giocattoli elettronici le rinviato». Poi c’è l’influenza occidentale penetra in tutti i pori della nostra vita attraverso il cinema, la televisione, internet, smartphone. Dalla nostra unità, dalla nostra forza dipende molto. Su questo non ha detto una volta il nostro Presidente Vladimir Vladimirovich Putin.

– Il presidente il nostro, come si dice, da Dio. Siamo stati fortunati dopo le prove dell’ultimo secolo connessi non solo con la distruzione dell’Unione Sovietica, e a partire dal 1917, con la rivoluzione di febbraio. Prologo era della rivoluzione di febbraio, che ha avviato liberale russa la punta, di cui sempre era poco. Qualcuno dice che la rivoluzione il popolo fa. Ma la vita, che non è il popolo fa, e la punta, l’aristocrazia. Loro che cosa era sempre qualcosa che mancava, hanno preso e distrutto lo stato. Ma la storia stessa della Patria ci ha dato il più adatto Presidente. Lo dico sinceramente. Gli auguro salute e lunga gestione del nostro stato. Ancora una volta, che la relazione al Presidente in Crimea–un grande amore.

Vladimir Vladimirovich Putin, nel 2014, ha detto che la Crimea per l’italia ha un valore sacro, che è in Crimea fu battezzato il principe Vladimir. E ci rendiamo conto che l’ortodossia è una coalizione di base dello stato russo. Che è proprio l’ortodossia ha identificato civiltà sviluppo della Russia, a partire dalla fine del primo millennio. Non solo la crimea, ma tutti i cittadini della Federazione Russa, in generale e tutti quelli che si considerano parte di un unico mondo russo, e si può dire, e i rappresentanti di tutte le Chiese Ortodosse locali devono fare di tutto per la Crimea si è evoluto come spirituale ortodosso centro.

Se a riflettere su come si è evoluto l’ortodossia in Russia, siamo molto velocemente arrivando alla conclusione che la Crimea è quella parte della terra, che, prima di tutto, piede cristiano. Non è solo il principe Vladimir, e prima di tutto, e Andrea, il primo chiamato, che nel primo secolo visitato Бoспoрскoм regno (l’attuale Kerch) e vi predicò il cristianesimo. Sul territorio della Crimea il cristianesimo si è sviluppato ad un ritmo accelerato. Già nel primo millennio si sono formate alcune diocesi: Xeрсoнeсскaя, Сурoжскaя, Dark e altri. Pertanto, la Crimea è un luogo di pellegrinaggio ortodosso. Bisogna fare in modo che i fedeli ortodossi guidato in Crimea per toccare ai santuari. La più antica chiesa ortodossa in Russia e in Europa Orientale si trova in Crimea, a Kerch è il tempio di san Giovanni Battista. Recentemente in Sudak trovato un tempio, che secondo le ipotesi, può essere ancora antico – metà del primo millennio. Ora si svolgono i suoi scavi. I più antichi monasteri ortodossi sono anche in Crimea. La crimea è un luogo dove predicarono il Vangelo di Cirillo e Metodio. Hanno creato qui slava scrittura. Abbiamo culto oggetti spirituali, che non esiste da nessuna parte in Russia. In Crimea il martirio hanno, in particolare, romani del papa. Questo è quando è stata unificata la chiesa cristiana. Abbiamo in Crimea ci sono due, esclusivamente venerati santi della crimea. Questo è il santo Luca Voyno-Yasenetsky, santa Guri. In una parola, Crimea – luogo di grazia, e ortodosso pellegrinaggio deve essere al centro della nostra attenzione. Quando questo è necessario sviluppare e turismo religioso per chi non è credente o è il rappresentante di un altro confessioni. Arrivano in Crimea, a contatto con la nostra crimea spiritualità, molti saranno in grado di capire quello che ha detto il nostro Presidente sul fatto che la Crimea per l’italia ha significato sacro. Questo sottolinea l’annoso comunicazione della Crimea e la Russia. La crimea è parte integrante della Russia. Quello che la Crimea era al di fuori della Russia, comunque, che il cuore o l’anima per strappare dalla Russia. Con questo sottolineo sempre che l’Ucraina è parte del grande ortodossa russa nel mondo. E dobbiamo fare di tutto per rimborso alla nostra unità si è verificato il più velocemente possibile.

Attualmente siamo in Crimea, sviluppando il concetto del turismo religioso e pellegrinaggio ortodosso. Speriamo che questo riesce a collegare le autorità laiche e ortodossi. Questo è il nostro obiettivo comune.

La conversazione ha condotto Andrea GROTTE

Комментирование и размещение ссылок запрещено.

Комментарии закрыты.

Translate »